• Albo pretorio
  • Modulistica
  • Port Mobility
  • Giada
  • Arrivi e Partenze navi
  • Links
  • Visita i cantieri
  • Network in progress
  • Mappa interattiva
  • Most corso formazione
  • Lazio un antico cammino tra terra e mare
  • Tutela ambientale
  • Escola
  • Richiesta di ormeggio
Home » Eventi » Propeller e AdSP promuovono le ZLS

Eventi

Propeller e AdSP promuovono le ZLS

 - Interessante convegno a Molo Vespucci sulle "free zone": negli interventi è stata sottolineata la necessità di cogliere questa opportunità per rilanciare gli scali

Civitavecchia 29 novembre - Una platea di tecnici e gli studenti degli istituti Baccelli e Nautico Calamatta hanno partecipato, nei giorni scorsi, al seminario di studio su ‘‘Zona logistica semplificata, zona economica  speciale e zona franca doganale. Strumenti di attrazione di investimenti per il rilancio del sistema portuale del Lazio’’ organizzato dall’International Propellers Club di Civitavecchia, guidato da Giannandrea Palomba. «Si tratta - ha spiegato quest’ultimo - di strumenti che coniugano al loro interno opportunità di crescita alle micro, piccole, medie e grandi imprese nel Lazio, nonché veicolo di attrazione di nuovi investimenti.

Nelle aeree interessate da tali regimi, le aziende possono ottenere benefici fiscali e doganali, potendo lavorare o manipolare non solo materie prime e prodotti provenienti da Paesi UE ma soprattutto quelli provenienti da Paesi extra UE, nonché agevolazioni di carattere amministrativo, infrastrutturale e finanziario. Tutto ciò può rappresentare un forte elemento di attrazione di investimenti da parte di operatori esteri». Il mese scorso la Regione Lazio ha deliberato l’avvio all’iter amministrativo per l’istituzione della ZLS relativamente alle aree portuali e retroportuali di Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta e la cui struttura di governance (Comitato di indirizzo)  sarà presieduta dal Presidente dell’Autorità dell’AdSP del Tirreno Centro Settentrionale. Ora la palla passa al Governo.

Per il presidente Di Majo si tratta di un’opportunità importante, così come sottolineato dal sindaco Cozzolino.

"La scelta della Regione Lazio di avviare tale iter  - ha sottolineato di Majo nel suo intervento - testimonia la grande attenzione per lo sviluppo dell’intera filiera portuale e logistica che trarrà, senz’altro, considerevoli benefici dall’implementazione delle Zone Logistiche Semplificate".

Per Stefano Cenci, presidente di Unindustria Civitavecchia, “bisogna fare in modo che le la Zls sia pensata per le imprese, chiedendo anche il loro parere. La semplificazione, per Cenci, è quello che in prima istanza chiedono le aziende che vogliono investire sul territorio e l’occasione che il porto ha con la Zls è davvero unica”. Un’occasione, insomma, per i porti del Lazio per quello che può rappresentare Civitavecchia con queste opportunità, essendo già oggi il più importante polo logistico nel Lazio e nell’Italia centrale, capace di offrire aree da dedicare alla realizzazione di nuove infrastrutture. Perché in grado di creare intermodalità con l’interporto di Orte e l’aeroporto intercontinentale di Fiumicino. Perché il porto di Gaeta, unico avamposto in Italia prima dello scenario competitivo del Mezzogiorno, rappresentato anzitutto dalla maggiore ZES attualmente esistente, ossia quella della Campania, con la sua prossimità, fra l’altro, ad importanti aree industriali del frusinate, all’FCA di Cassino, alla più importante filiera agroindustriale ed ortofrutticola della regione, che presenta alcune eccellenze di valore europeo, può costituire un punto di riferimento altamente strategico per le interconnessioni con i mercati dell’aggregato abruzzese-campano-molisano, tutti inclusi in aree eleggibili in tema di zone economiche speciali.

Copyright - Autorità Portuale di Civitavecchia Fiumicino Gaeta - Molo Vespucci, snc  00053 Civitavecchia - Italia
Tel. 0766 366201 - Email: autorita@portidiroma.it - PEC: protocollo@portidiroma.legalmailpa.it - Note legali - Privacy - Tutti i diritti sono riservati